Sono viva.

Buonasera a voi tutti.

Al contrario di ciò che si poteva credere, sono viva.

Scrivo la tesi. Seguo i nuovi corsi. Studio per gli esami.

Ma sono viva.

Per me -già da due mesi- è iniziato un nuovo pezzo di vita. Vivo in una nuova città con nuovi ritmi… E nuove canzoni. Ma senza dimenticare quelle vecchie.

Non dimenticatemi, sono qui.

Volevo dirvi solo questo.

Vi terrò aggiornati quanto presto.

Intanto cercate di indovinare in che posto sono andata a cacciarmi…

Saluti… e buonanotte.

Alice.

Annunci

Chiedo venia.

Nuovi lettori, lettori vecchi,
Chiedo davvero scusa per la mia lunghissima assenza.

A cosa è dovuta, vi starete chiedendo. O forse no.
Sto battagliando con gli esami e la TESI. Sì, la stra maledettissima tesi.
Sto letteralmente uscendo di testa, quindi vogliate perdonare una povera malata di mente priva di tempo. Laureanda, per giunta. LAUREANDA. Che parola spaventosa, terribile. Ho paura, tanta. Mi aspettano tanti cambiamenti, che prima non vedevo l’ora di vivere. Non che ora non sia così, ma ora una nuova prospettiva mi spaventa. Ma, come diceva il mio professore di Storia e Filosofia alle superiori, spesso è necessario cambiare mattonella e guardare le cose da un’angolazione diversa.

Crescerò, credo.

Distinti saluti a voi tutti.
E buona notte.

Alice.

Super Sweet Blogging Award.

Ho ricevuto questo premio da See Emily Play, che ringrazio molto!

Il regolamento legato a questo premio:
1. Visita e ringrazia il blogger che ti ha nominato;
2. Ringrazialo nel tuo blog e crea un link al suo;
3. Rispondi alle domande “Super Dolci”;
4. Nomina una “Dozzina di panini” a cui dare il premio (13, in realtà… Dalla regia mi dicono che l’opzione “Ti regalo un panino se ne compri 12″ è un’usanza medioevale inglese!), crea un link del loro blog nel post e avvisali postando un commento nel loro blog;
5. Copia e sposta il premio nel tuo blog.

Domande Super Dolci… Da diabete!

1. Biscotti o torta? Biscotti!
2. Cioccolato o Vaniglia? Cioccolato, indeed.
3. Quale è il tuo spuntino dolce preferito? Assolutamente il gelato!
4. Quando hai maggior voglia di cose dolci? Quasi sempre, purtroppo! Specie quando mi annoio.
5. Se tu avessi un soprannome “dolce”, quale sarebbe? … Non ne ho idea! Meringa?! XD

E adesso nomino la “dozzina di panini” 😀

1. See Emily Play
2. Meglio tacere e passare per scemi che aprir bocca e togliere ogni dubbio
3. mindthecrumb
4. Crumb Of Life
5. dovenonso
6. LEGGOALTROVE
7. Amazing Journey…
8. Diario di una sBronza consapevole.
9. luceashanghai
10. dieciallasesta
11. La Triquetra
12. Very False Norwegian
13. Tokyo Hell

Buoni dolci a tutti! 😀

Alice.

STAP!

Listening to: Communication Breakdown – Led Zeppelin

E poi… e poi è successo.

STAP!

Il mio orecchio si è stappato.
Lentamente mi sto svegliando dal torpore.
D’altronde ho dato sei esami in due mesi, il riposo me lo sono anche meritata.
Ma adesso basta.
È ora che io mi svegli, che mi dia una mossa.
A farmi pensare questo è stata una sgradevolissima scoperta.
Il corso di Storia e Critica del Cinema, infatti, è ricominciato ben tre settimane fa. Dico, TRE SETTIMANE FA.
Devo aver dormito troppo.

Alice, sveglia.

Per il resto, ho poco e niente da dire. Sì, sto diventando parecchio noiosa, chiedo venia.

Buonanotte,

Alice.

Maledetto raffreddore.

Listening to: Dude (I totally miss you) – Tenacious D

Fortunatamente ho deciso di non dare l’esame di oggi. Vedo e prevedo. Mi sarei ammazzata per niente. Infatti mi ha colto il raffreddore. Lo stupidissimo raffreddore che mi ha tappato naso e orecchie, mi fa tossire e mi punzecchia la gola. Quel raffreddore. Mi sento come in una bolla. Non sento gli odori, né i sapori. E i rumori sono ovattati. Vabbè.

Però c’è una cosa positiva. Il mio “tentativo-di-romanzo” prende lentamente forma… nella mia testa. Prima o poi mi deciderò a scrivere qualcosa! Magari posto il primo capitolo qui in anteprima, mi piacerebbe sentire i vostri pareri! Devo capire se ciò che ho in mente ha un senso ed è leggibile oppure… no.

E niente. Non ho nient’altro da dire. Ah, già. Ho ripreso in mano Bukowski, finalmente. Sto leggendo Storia di ordinaria follia. L’avete letto? Non lapidatemi, ma… secondo me Bukowski è uno degli scrittori più sopravvalutati della letteratura contemporanea. Sì, ok, ha impatto. Stravolge quella che è la tradizione ed i canoni vigenti nella sua epoca, però…  Le sue pagine raccontano sempre la stessa storia. Anzi, quando m’imbatto in suo un racconto in cui non finisce a letto con nessuna quasi mi stupisco. Molte sue affermazioni e trovate mi piacciono anche, ma spesso finisce per essere banale e scontato. Lo decantano tutti, su facebook non fanno altro che circolare sue citazioni, ma chissà se questi “tutti” l’hanno mai letto davvero.

Voi che ne pensate?

Ah, e domani è la festa della donna. Certo che questa ricorrenza lascia l’amaro in bocca. In questi ultimi tempi i “femminicidi” sono terribilmente aumentati. Le storie malate e tormentate sono la principale causa di questa tragedia femminile. Dobbiamo smettere di volerci male e di autolesionarci stando affianco a uomini che ci trattano come stracci. Dobbiamo riconoscere che noi siamo importanti, sempre. La festa della donna dev’essere ogni giorno.

Vado a prendere un nuovo pacco di fazzoletti.
Bonne nuit, adieu.

Alice.

Reminiscenza di sogno.

Nera notte e bianca luna

Mi destai ch’era l’una

La sudata fronte m’asciugai

E gli occhi stropicciai.

Alla finestra mi diressi

E nel cielo scuro lessi

L’avvento d’una tempesta

Di sicuro assai molesta.

Ad un tratto di nera pupilla

Occhi gialli come camomilla

Mi fissavano monodirezionali

Dietro soffici bianche ali.

D’una civetta si trattava!

La sua zampa mi mostrava,

Era quella destra,

E beccava alla finestra!

Io le aprii, lesta,

Lei fece una gran festa

E notai che alla zampetta

Una lettera vi era legata stretta.

Lettere color smeraldo

Mi consegnava quel strambo araldo.

Era tutto così strano

Che leggerle mi sembrava vano.

Visto ch’esitavo

E non mi destavo

La civetta morse la mia mano

E intanto vidi l’uragano.

Lessi quella gran mole

Di verdi parole.

La civetta fu contenta

E volò via, attenta.

Nel buio l’osservai

Col pensiero la salutai.

Volava lontano,

Senza paura dell’uragano.

Nera notte e bianca luna

Mi destai ch’era l’una

La sudata fronte m’asciugai

E gli occhi stropicciai.

Di un sogno si trattava,

Ma la mano mi doleva.

Mi rigirai, stanca,

Sul cuscino una piuma bianca.

Si tratta di una citazione anche fin troppo palese 😀

È stata, questa, una delle prime poesie che ho scritto ^^

Buona lettura e buona domenica a tutti voi!

Forse la primavera sta arrivando, finalmente!

Alice.

Un anno.

Hey! Sono tornata!
“Bentornata Alice, ci sei mancata!”

Posseggo questo blog da un anno. Ben dal 24 febbraio del 2012. WordPress me l’ha ricordato, che carino.

Questo post mi puzza di inutilità.

Da domani comincio a studiare la tanto odiata Storia Greca. L’esame è il sette. Il sette marzo.
Ieri, invece, ne ho dato un altro. Filologia della Letteratura Italiana.
Insomma, è una dolorosa maratona senza fine.

Ah, rallegratevi: ho passato l’esame di Cinese A1!

E intanto sogno il Giappone.

Vi lascio con questa canzoncina carinissima di un altrettanto carinissimo anime. Con il proposito che il mio prossimo post sia più interessante.

La canzone s’intitola “U & I” (tu e me), dedicata da YUI (colei che la canta) alla sua sorellina UI
L’anime, per chi non lo conoscesse, è K-ON!(けいおん!), uno dei miei preferiti.

さようなら、

アリス。